guide locali, professionali e abilitate

per vedere Venezia con occhi nuovi

per vivere Venezia come i veneziani

per scoprire la Venezia più nascosta

Per una città straordinaria non accontentarti dell’ordinario.
Fatti guidare dalle Best Venice Guides

perché noi siamo:

locali

perché solo chi vive tutti i giorni una città può trasmettere …

professionali

perché non basta essere nato in città per avere le competenze …

abilitate

perché in Italia la nostra professione è regolamentata …

innamorate di Venezia

perché questo non è solo un lavoro: la professionalità …

Il blog delle guide

Venezia raccontata da chi la vive e la ama

I pavimenti veneziani, come tappeti di marmo colorati

Colorati e raffinati i disegni degli antichi pavimenti di Venezia si presentano come ricchi tappeti di marmo dove i materiali e le forme cambiano secondo le epoche. Punto d’incrocio di commerci tra il medio oriente e l’occidente, Venezia importava marmi greci, turchi, africani e porfidi egiziani che ritroviamo, assieme a marmi locali, nelle chiese e nei palazzi

leggi tutto

La regina della festa del Carnevale

A Carnevale a Venezia non possono mancare le frittelle! Veneziane, alla crema o allo zabaione (o altri ripieni) sono i dolci tipici tradizionali che ci ricordano l’infanzia e le feste in famiglia, ma anche una storia vera e propria, quando esisteva una vera e propria confraternita e le venditrici di frittelle diventano soggetti artistici dei quadri di Pietro Longhi.

leggi tutto

Il doge di Venezia Antonio Grimani tra storia ed arte

Un percorso controverso quello di Antonio Grimani che da abile mercante raggiunse grandi ricchezze per poi con infamia essere mandato al confino, ed infine essere riammesso alla vita politica veneziana per raggiungere il gradino più alto, con la carica di Doge. Una storia raccontata nell’arte da Tiziano e nel palazzo del nipote, il patriarca Giovanni Grimani, oggi splendida sede museale.

leggi tutto

Donne vanitose a Venezia

Le donne a Venezia amavano essere belle: tacchi vertiginosi, profumi ricercati, chiome bionde. Giocavano con il linguaggio dei nei, posti in punti diversi del viso per comunicare agli interessati l’umore e le intenzioni. A Venezia tra i musei più coinvolgenti, ecco a voi palazzo Mocenigo: per chiunque sia interessato alla moda, al costume, alla bellezza.

leggi tutto