guide locali, professionali e abilitate

per vedere Venezia con occhi nuovi

per vivere Venezia come i veneziani

per scoprire la Venezia più nascosta

Per una città straordinaria non accontentarti dell’ordinario.
Fatti guidare dalle Best Venice Guides

perché noi siamo:

locali

perché solo chi vive tutti i giorni una città può trasmettere …

professionali

perché non basta essere nato in città per avere le competenze …

abilitate

perché in Italia la nostra professione è regolamentata …

innamorate di Venezia

perché questo non è solo un lavoro: la professionalità …

Il blog delle guide

Venezia raccontata da chi la vive e la ama

La vecia del morter, un’eroina inconsapevole

La vecia del morter è una delle tante leggende veneziane che ricordiamo quando visitiamo il Palazzo ducale, nella Sala del temibile tribunale del Consiglio dei Dieci. Una donna, anziana, che salvò lo Stato veneziano da una congiura organizzata dall’aristocrazia ribelle contro le regole stabilite dopo la Serrata del Maggior Consiglio.

leggi tutto

Il primo museo di Venezia: la pinacoteca dell’Imperial Regia Accademia Veneta di Belle Arti

Negli anni travagliati del ritorno degli Asburgo a Venezia nasce il primo museo della città di Venezia: le Gallerie dell’Accademia di Belle Arti. Antonio Canova, Leopoldo Cicognara e un giovane pittore veneziano, Francesco Hayez, nel giro di pochi anni creano una pinacoteca fondamentale per la storia di Venezia e del Risorgimento

leggi tutto

Mattia Berto, giovane regista veneziano: un’intervista

Un’intervista che BestVeniceGuides dedica ai visitatori curiosi di scandagliare l’anima della città lagunare, ai giovani e meno giovani di qualsiasi età o provenienza, che desiderino partecipare ad iniziative artistiche/teatrali assolutamente uniche e irripetibili, poiché “il teatro è vita e, con persone come Mattia Berto, Venezia è senz’ombra di dubbio una città viva!

leggi tutto

La manifattura delle calzature: un’antica tradizione ancora viva a Venezia

Arti e mestieri sono sempre stati un punto di forza dell’economia veneziana dal Trecento in poi. I “calegheri”, i calzolai o ciabattini, erano organizzati in una confraternita di cui troviamo traccia nei bassorilievi della città. Per non parlare di quanto accade ancora oggi, alla Riviera del Brenta e delle bellissime scarpe che vengono prodotte in zona per l’alta moda!

leggi tutto