Guillaume Postel e l’Inquisizione a Venezia

Guillaume Postel e l’Inquisizione a Venezia

A Venezia in un un campiello si trova un’iscrizione che ricorda Guillaume Postel, umanista francese qui tratto nel 1555 dall’Inquisizione. Personaggio poco conosciuto dai più, la sua figura oggi è in corso di studio e di riscoperta da parte di gruppi ed associazioni di carattere esoterico. Un’età complicata, la sua, in una Venezia divisa tra opportunità politica e libertà di pensiero…

Il giardino Barnabò: grazie, Anna!

Il giardino Barnabò: grazie, Anna!

Il giardino Barnabò è uno tra i più belli del Canal Grande, come pochi a Venezia ricco di rose multicolori e di tanti altri fiori di vario tipo visibili parzialmente anche dall’acqua. Il giardino esprime e ricorda al meglio la radiosa personalità di Anna, che li ha scelti e disposti accuratamente e di cui è tuttora l’anima.

La vecia del morter, un’eroina inconsapevole

La vecia del morter, un’eroina inconsapevole

La vecia del morter è una delle tante leggende veneziane che ricordiamo quando visitiamo il Palazzo ducale, nella Sala del temibile tribunale del Consiglio dei Dieci. Una donna, anziana, che salvò lo Stato veneziano da una congiura organizzata dall’aristocrazia ribelle contro le regole stabilite dopo la Serrata del Maggior Consiglio.

Il primo museo di Venezia: la pinacoteca dell’Imperial Regia Accademia Veneta di Belle Arti

Il primo museo di Venezia: la pinacoteca dell’Imperial Regia Accademia Veneta di Belle Arti

Negli anni travagliati del ritorno degli Asburgo a Venezia nasce il primo museo della città di Venezia: le Gallerie dell’Accademia di Belle Arti. Antonio Canova, Leopoldo Cicognara e un giovane pittore veneziano, Francesco Hayez, nel giro di pochi anni creano una pinacoteca fondamentale per la storia di Venezia e del Risorgimento