Antonella Fantoni

L’unica regola del viaggio è: non tornare come sei partito. Torna diverso. (Anne Carson)

Sono Veneziana di nascita e perciò amo gli aspetti più genuini della città, la sua storia, la sua arte, le sue tradizioni, il fluire lento del tempo lontano dal frastuono delle grandi città…

… Sarei felice di dividere tutto questo con voi!

La mia Formazione

Vivo a Venezia e amo la mia città, così unica e diversa. Sono laureata in storia dell’arte all’Università Ca’ Foscari di Venezia e ho lavorato per molti anni come operatrice didattica per i musei e il territorio di Venezia. Sono diventata guida turistica di Venezia nel 2000, dopo aver superato l’esame di abilitazione organizzato dalla regione Veneto.

Cosa vi suggerisco

Ai miei clienti suggerirei, se possibile, di non visitare la città in luglio e agosto, ma scegliere delle stagioni intermedie, non molto calde e meno affollate. Io amo molto anche la città in inverno, quando si respira un’atmosfera molto particolare. Venezia con un po’ di nebbiolina e’ davvero incomparabile…. Suggerirei poi un itinerario nelle di  zone meno battute dal turismo, i “sestieri” di Castello e Cannaregio, l’isola della Giudecca, qualche chicca qua e là come il Museo del Vetro a Murano, il museo del Merletto a Burano, il museo di Palazzo Mocenigo a Santa Croce… Qualche tappa eno-gastronomica non guasta: qualsiasi tour puo’ includere una sosta in un tipico “bacaro” veneziano. Alla fine un tour in barca in lancia-taxi per ammirare la città dal suo elemento naturale: l’acqua.